Bonus infissi e finestre confermato per il 2020: ecco le novità BONUS INFISSI E FINESTRE CONFERMATO PER IL 2020: ECCO LE NOVITÀ

La Legge di Bilancio 2020 ha confermato la possibilità di detrarre le spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di finestre, infissi e schermature solari, che rientrano fra gli interventi di riqualificazione energetica in quanto limitano la dispersione di calore. Vediamo insieme quali sono i requisiti per ottenerla, qual è l’importo massimo che si può richiedere e che cosa è cambiato rispetto allo scorso anno.

I requisiti dell’immobile

Per fruire dell’agevolazione è fondamentale che l’unità immobiliare, l’edificio o parti di esso siano già esistenti al momento dell’intervento. Qualunque categoria catastale è ammessa, purché l’immobile sia dotato di impianto di riscaldamento. È necessario, tuttavia, essere in regola con il pagamento di eventuali tributi.

Le specifiche tecniche

L’intervento deve avvenire su infissi e finestre già esistenti:

  • è necessaria la perizia di un tecnico abilitato che certifichi la conformità dell’intervento. I nuovi infissi devono infatti garantire un preciso valore di trasmittanza termica (Uw);
  • la scheda tecnica deve contenere i dati del soggetto che ha sostenuto le spese e quelli dell’edificio, il risparmio energetico che ne è conseguito, l’importo per le spese professionali e quello per il calcolo della detrazione;
  • una volta terminati i lavori ed effettuati i pagamenti, occorre effettuare l’operazione di invio dei documenti all’ENEA.

Aliquota e importo

La detrazione spetta per un importo massimo di 60.000 euro, comprensivo di opere murarie e prestazioni professionali. Al momento della dichiarazione dei redditi il contribuente potrà portare in detrazione il 50% delle spese sostenute per eseguire i lavori. Lo sconto fiscale verrà poi assegnato con rate di pari importo in dieci anni.